Nelle viscere della Terra

Pubblicato il da vocelibera2011

Nella Georgia euroasiatica, anzi più precisamente in Abcasia (regione autoproclamatasi indipendente, ma non riconosciuta come tale), si apre la grotta Krubera, Voronya in lingua russa, attualmente la più profonda conosciuta al mondo. La cavità si apre nel massiccio dell'Arabika e scende fino a -2197 metri; negli ultimi cento anni è stata esplorata più volte, cercando di raggiungere profondità sempre maggiori.

Nel luglio del 2005 la spedizione speleologica Zazerkalye 2005, letteralmente “passaggio nello specchio magico”, comprendeva anche due italiani, Matteo Rivadossi e Giacomo Rossetti. Un resoconto molto affascinante dell'esplorazione, durata tre giorni, è stato scritto da Rivadossi e si può leggere al seguente link.

Una successiva spedizione iberico-russa, nel 2010, ha inoltre scoperto in questa grotta l'insetto Plutomurus ortobalaganensis: privo di occhi e di ali, ma dotato di lunghe antenne ben più adatte alla vita sotterranea, è appunto l'insetto attualmente conosciuto che vive alle maggiori profondità.

Questa è l'umanità che piace a me: quella che esplora, che ricerca, che scopre; non quella che rincorre successo e denaro, che devasta e uccide, lasciando prevalere la parte più oscura di sé.

Con tag sì viaggiare

Commenta il post