"Amore" di Inoue Yasushi

Pubblicato il da vocelibera2011

Girovagando tra i corridoi della Feltrinelli, mi è caduto l'occhio su un libriccino esile che poi non ho resistito alla tentazione di comprare, complici il titolo (ogni tanto mi capita di avere cedimenti romantici) e la sintesi sulla quarta di copertina: si tratta di Amore (愛), dello scrittore giapponese Inoue Yasushi (Asahikawa, 1907 – Tokyo, 1991), da noi noto perché da un altro suo libro è stato tratto il film Morte di un maestro del tè, Leone d'Argento a Venezia nel 1989. Il volumetto contiene tre brevi racconti scritti tra il 1950 e il 1951 e riuniti insieme nel 1959.

L'amore è appunto il filo rosso che collega tre storie: Il giardino di rocce, che ha come protagonisti Uomi Jiro e la sua sposina Mitsuko; Anniversario di matrimonio, in cui si racconta del secondo anniversario di nozze di Karaki Shunkichi e di sua moglie Kanako; e infine La morte, l'amore, le onde, senz'altro la più bella delle tre, che narra l'incontro di Sugi Sennosuke e della giovane Nami in un albergo sulla costa. I tre racconti, soprattutto i primi due, sono tanto brevi che non è possibile sintetizzarli senza rovinare la lettura; il terzo è la storia di due dolori e di due solitudini che si incontrano forse un solo istante prima che sia troppo tardi. Se incomunicabilità e rimpianto prevalgono nelle prime due storie, nella terza sembra aprirsi uno spiraglio.

La prosa di Inoue è lineare ed essenziale; i sentimenti e le passioni non sono scandagliati, perché l'autore si limita a rappresentarne gli effetti nelle parole e nelle azioni; tra i personaggi, infine, spiccano quelli femminili, più risoluti, più fragili, più emotivi, complessivamente più ricchi e problematici di quelli maschili. Inoue è anche un maestro delle descrizioni, alcune davvero suggestive come quella del giardino di pietre di Kyoto del primo racconto o quella del promontorio a picco sul mare del terzo.

Ad essere onesta, il libro si è rivelato qualcosa di diverso da quello che mi aspettavo (anche se in realtà non saprei dire cosa mi aspettassi davvero), ma non sono rimasta delusa: non posso negare anzi di essermi incuriosita, tanto da voler approfondire la conoscenza dello scrittore attraverso la lettura di altri suoi lavori.

Inoue Yasushi, Amore, Giappone
Inoue Yasushi, Amore, Giappone

Inoue Yasushi, Amore, Giappone

Commenta il post