"I pesci non chiudono gli occhi" di Erri De Luca

Pubblicato il da vocelibera2011

300px-Erri_De_Luca_IMG_6512.JPGQuell'estate ho scoperto me stesso e l'amore

*****

I pesci non chiudono gli occhi è un breve romanzo di Erri De Luca (Napoli, 1950) pubblicato nel 2011. Non ha la suggestione tenera e drammatica, intensa e leggera insieme, del Giorno prima della felicità, ma è una lettura piacevole e capace di offrire qualche delicata emozione e qualche spunto di riflessione.

 

Un ragazzino napoletano di 10 anni vive con turbamento il passaggio dall’infanzia al tempo in cui l’età diventa a due cifre. In un’estate al mare (siamo nel 1960), lo scontro con alcuni bulletti e soprattutto l'incontro con un'intraprendente ragazzina settentrionale gli faranno acquistare nuove consapevolezze.

 

Tornano in questo romanzo alcune situazioni e alcune atmosfere del Giorno prima della felicità. Di nuovo il protagonista (a cui, ormai adulto, appartiene la voce narrante) è un giovane alle prese con la difficile e appassionante avventura del crescere; di nuovo la maturazione avviene attraverso i libri, il sangue e l’amore. Mancano però gli elementi che fanno dell’altro romanzo un'opera sicuramente più ricca: lo sfondo storico, in questo caso quello dell’emigrazione in America, è solo appena accennato; manca la voce saggia e dolente di don Gaetano; non c’è spazio per il dramma della Napoli martoriata dalla camorra.

 

index.jpg

I pesci non chiudono gli occhi è dunque un libriccino grazioso e a tratti commovente, grazie al quale si può ritrovare qualcosa della Napoli postbellica ma anche delle incertezze e delle passioni dell’adolescenza di oggi e di ieri e di ogni luogo. Ma questa volta De Luca non ha espresso al meglio il suo estro e la sua fantasia, forse soffocati dall'autobiografismo ad ogni costo.

 

«Oggi so che quell'amore pulcino conteneva tutti gli addii seguenti»

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post