Porrajmos - L'olocausto dimenticato degli zingari

Pubblicato il da vocelibera2011

http://t0.gstatic.com/images?q=tbn:ANd9GcTuA7TIw4jOPe6mwHZzKVzUNsLpNIopzA3cp_hFrdATx0-2ry9BUQCome è noto, i progetti di sterminio nazisti non riguardarono soltanto gli Ebrei, che pure pagarono il prezzo più alto con 6 milioni di morti. Nei lager erano internati anche zingari, testimoni di Geova, omosessuali, pentecostali, disabili... Ognuna di queste categorie ha versato il suo tributo di sangue sull'altare della pazzia di Hitler.

 

Agli zingari in particolare è rivolto un monologo teatrale di Pino Petruzzelli, riadattato per la televisione a cura di Gioia Meloni.

Furono almeno 500.000, ma alcuni suppongono ben di più, i Rom e i Sinti che morirono dei lager nazisti, spesso dopo essere stati sottoposti a sevizie ed esperimenti di ogni genere.

Il monologo di Petruzzelli a loro dedicato è recitato all'interno della Risiera di San Sabba (Trieste), l'unico campo di sterminio su suolo italiano, in un'area però di norma chiusa e interdetta ai visitatori. Uno scenario essenziale e scabro, perfettamente adeguato al testo.

Si comincia con una terribile fiaba rovesciata per venire alla storia delle discriminazioni e delle persecuzioni patite dagli zingari nel corso dei secoli, fino agli orrori nazisti.

 

Il monologo è un testo intenso, storico e artistico insieme, che ci permette di conoscere meglio una realtà spesso ignorata o rimossa e di riscoprire le radici della diffidenza e dell'odio che tuttora circondano Rom e Sinti.

Ma né i costumi di questi popoli né i reati compiuti da alcuni singoli zingari giustificano e giustificheranno mai persecuzioni e stermini.

 

Il filmato televisivo si può vedere qui, qui, qui, qui, qui, qui.

Con tag attualità

Commenta il post